DIMT.IT - 2015

  • Video advertising: una ascesa che passa dai social network

    182923Il 2015 segnerà una nuova impennata per la video advertising grazie alla sempre maggiore diffusione di contenuti video sui social network. È questa la previsione formulata dagli analisti di eMarketer in un report dal quale si evince come Facebook si stia avvicinando ad una posizione che permetterebbe alla piattaforma di insidiare i numeri di Youtube, mentre Twitter, Snapchat, Tumblr e Instagram stanno testando nuove funzioni di diffusione di contenuti promozionali. Se, come recentemente stimato da Cisco, nel 2018 oltre l'80% del traffico Internet sarà generato da contenuti video (a fronte del 66% registrato nel 2013), con punte del 90% per il comparto consumer, aumenta in parallelo il volume di filmati di ogni genere che transitano sui canali social, aprendo alla possibilità di incrementare la quantità di inserzioni ritagliate su di essi. Un rapporto di ComScore dello scorso ottobre piazzava già Facebook al secondo posto della classifica dei "detentori di video", per quanto i dati fossero riferiti alla sola fruizione da dispositivi desktop, mentre la crescita dei volumi di traffico nei prossimi anni, in un trend che si è già consolidato nell'arco del 2014, avverrà principalmente su dispositivi mobili. Da qui la grande attenzione che i grandi player del social networking stanno riservando alle esigenze di chi si connette tramite tablet e smartphone in una cornice che, per la qualità della fruizione di contenuti video di qualità, sarà senza dubbio influenzata dall'evoluzione delle nuove infrastrutture di connessione LTE e 5G. [gallery type="slideshow" ids="13655,13656"] LEGGI Chat, localizzazione e deep linking: da Gigaom cinque previsioni sui social per il 2015 8 gennaio 2015 Immagine in home page via blogs.imediaconnection.com
  • Video e musica online, Eurobarometro: "Importante l'accesso transfrontaliero per chi sottoscrive abbonamenti"

    Per un europeo su tre che intende sottoscrivere un abbonamento per fruire di film, musica, libri o giochi online è rilevante la possibilità di poter accedere ai contenuti anche all'estero, una dinamica tanto più importante quanto più giovane è l'età degli utenti. È questa una delle principali indicazione che si ricava dal sondaggio Eurobarometro"Cross-border access to online content". Poter sfruttare il proprio abbonamento anche quando si viaggia in un altro Stato dell'Unione appare centrale per il 58% dei rispondenti nella fascia d'età 15-24 anni e per il 46% nella fascia 25-39. L'8% degli utenti europei che ha già un abbonamento di questo tipo ha provato ad effettuare l'accesso cross borders,percentuale che sale al 17% tra i giovani, ma il 56% di loro ha riscontrato problemi. "Questi dati - chiosa la Commissione europea in una nota - dimostrano che la potenziale domanda di contenuti legali al di fuori del proprio Paese d'origine è destinata a crescere in parallelo allo sviluppo del mercato. Un dato ancor più importante per quanto attiene i video, area nella quale le sottoscrizioni di abbonamenti sono cresciute del 147,5% nel solo 2013". Quella dei blocchi all'accesso transfrontaliero all'interno del Vecchio continente è una delle questioni sulle quali la Commissione è maggiormente impegnata nell'ambito del percorso che porterà al Digital Single Market; centrale, in questo senso, sarà la riforma del copyright "alla luce della rivoluzione digitale", passaggio che Bruxelles assicura "avverrà nei prossimi mesi". Tra le altre indicazioni fornite dal sondaggio anche un aggiornamento sull'utilizzo generale di Internet nei vari Paesi dell'Ue. Cross-border access to online content 2
    Satellite e cavo: al via la consultazione pubblica sulla revisione della direttiva UE
    28 agosto 2015
  • Videosorveglianza in esercizio commerciale, Cassazione: sussiste obbligo di informativa. Il testo della sentenza

    di Lorenzo Delli Priscoli L'installazione di un impianto di videosorveglianza all’interno di un esercizio commerciale, allo scopo di sorvegliare l’accesso degli avventori, costituisce “trattamento di dati personali" agli effetti dell’art. 13 del d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196, e deve perciò formare oggetto di informativa rivolta ai soggetti che facciano ingresso nel locale. La Cassazione ha infatti ritenuto che sussistono entrambi gli elementi in presenza dei quali l’art. 13 cit. prescrive l’obbligo di informativa: 1) il trattamento, consistente nella raccolta delle immagini delle persone che accedono nel locale e vengono riprese da una videocamera non segnalata, e 2) il dato personale, consistente nell’immagine della persona ripresa, trattandosi di dato idoneo ad identificarla. (Cassazione Sezione Seconda Civile, sentenza 2 settembre 2015, n. 17440, Presidente R. M. Triola, Relatore S. Petitti) 3 settembre 2015
  • Walter Tobagi, il Prof. Gambino: "Persona forte, militante, esempio di giornalista con la schiena dritta"

    "C'è spesso memoria corta con riferimento a personalità che hanno incarnato la migliore Italia".  Così il Prof. Alberto Gambino, Direttore del dipartimento di Scienze Umane dell'Università Europea di Roma e Direttore scientifico di Dimt, ospite lo scorso giovedì insieme ad Aldo Morrone, Presidente dell'Istituto Mediterraneo di Ematologia (IME), di "TGtg – Telegiornali a confronto", trasmissione di Tv2000 condotta da Cesare Cavoni e per buona parte dedicata in questa occasione all'anniversario della morte del giornalista Walter Tobagi, ucciso a Milano il 28 maggio 1980. Nel corso della trasmissione è stata presentata anche una testimonianza diretta di Benedetta Tobagi. "Tobagi - ha affermato il Prof. Gambino - è stato persona forte, militante, legata ai temi sociali ma anche vicino ai nostri valori e che oggi dovrebbe essere ricordato come esempio di giornalista con la schiena dritta. Una figura che, in altro ambito, potremmo definire speculare a quella di Aldo Moro; erano entrambi vicini ad un ideale di integrazione tra due visioni del mondo che in quel momento potevano rappresentare, vent'anni prima, quello che sarebbe successo dopo la caduta del muro di Berlino. Basti vedere le testate per le quali ha scritto, Avanti, Corriere della Sera, Avvenire, sembrano mondi molto distanti tra loro ma che invece trovavano sintesi nella figura di Tobagi". [*] Questo intervento è inserito in “Occhio di riguardo: la comunicazione tra tecnologia, mercato e diritto”, rubrica affidata a Gianfrancesco Rizzuti, docente di Relazioni Pubbliche Economiche e Finanziarie all’Università Europea di Roma, con la collaborazione, tra gli altri, di Marco Ciaffone. 29 maggio 2015
  • Web e legalità: la reputazione aziendale - Roma, 16 aprile 2015

  • Workshop in honour of Guido Calabresi "The Law and Economics of Liability Rules" - Bologna, 11 March 2015

  • Wwworkers Camp - Roma

    Appuntamento a Roma giovedì 7 maggio per il nuovo Wwworkers Camp, il meeting annuale che coinvolge la community dei wwworkers composta da artigiani, commercianti, piccoli imprenditori, contadini digitali che hanno scelto di abbracciare le nuove tecnologie per posizionarsi online, ampliare il business e raggiungere nuovi mercati. L’appuntamento è organizzato dalla community Wwworkers.it insieme all’Intergruppo Parlamentare per la Sussidiarietà della Camera dei Deputati.

    Consulta il programma della manifestazione

    wwworkers
  • Wwworkers Camp - Roma, 7 maggio 2015

    Appuntamento a Roma giovedì 7 maggio per il nuovo Wwworkers Camp, il meeting annuale che coinvolge la community dei wwworkers composta da artigiani, commercianti, piccoli imprenditori, contadini digitali che hanno scelto di abbracciare le nuove tecnologie per posizionarsi online, ampliare il business e raggiungere nuovi mercati. L’appuntamento è organizzato dalla community Wwworkers.it insieme all’Intergruppo Parlamentare per la Sussidiarietà della Camera dei Deputati.

    Consulta il programma della manifestazione

    wwworkers
  • XXIV incontro del Coordinamento dei Dottorati di ricerca in Diritto privato - Catania

    Il XXIV incontro del Coordinamento dei Dottorati di ricerca in Diritto privato si terrà presso l'Università degli Studi di Catania, nei giorni 13 e 14 febbraio 2015. È possibile segnalare i nominativi dei dottorandi che intendono intervenire e dei relativi discussant, inviando la relativa comunicazione, comprensiva del titolo della relazione, al seguente indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. LEGGI Ponza: report della tre giorni del XXIII Coordinamento dei Dottorati di ricerca in Diritto privato
  • XXIV incontro del Coordinamento dei Dottorati di ricerca in Diritto privato - Catania, 13 e 14 febbraio 2015

    Il XXIV incontro del Coordinamento dei Dottorati di ricerca in Diritto privato si terrà presso l'Università degli Studi di Catania, nei giorni 13 e 14 febbraio 2015. È possibile segnalare i nominativi dei dottorandi che intendono intervenire e dei relativi discussant, inviando la relativa comunicazione, comprensiva del titolo della relazione, al seguente indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. LEGGI Ponza: report della tre giorni del XXIII Coordinamento dei Dottorati di ricerca in Diritto privato
  • XXV incontro del Coordinamento dei Dottorati di ricerca in Diritto privato – Cagliari, 25 e 26 giugno 2015

    Il XXV incontro del Coordinamento dei Dottorati di Ricerca in Diritto Privato si terrà presso l'Università di Cagliari, nei giorni di giovedì 25 e venerdì 26 giugno 2015, secondo le consuete modalità. La mattina di venerdì sarà dedicata ad alcune lezioni rivolte ai dottorandi, mentre le relazioni dei dottorandi e dottori di ricerca si terranno nei pomeriggi di giovedì e venerdì.
  • XXVIII incontro di Aida "Segni di qualità del cibo e proprietà intellettuale" - Milano, 11 settembre 2015

    Consulta il programma