DIMT.IT - cameron

  • Data retention, nel Regno Unito il primo sì alla nuova legge

    Il cammino del Data Retention and Investigatory Powers Bill, la nuova legge sulla conservazione dei dati in terra britannica, sta bruciando le tappe. Il testo ha infatti ricevuto poche ore fa l'approvazione, a larga maggioranza, della camera bassa del Parlamento d'oltre Manica, la House of Commons, e attende ora il passaggio in quella dei Lords, in un cammino spedito quanto foriero di preoccupazioni e polemiche. La legge mira sostanzialmente, come affermato dal premier David Cameron, a rimediare con una "norma d'emergenza" al vulnus normativo apertosi dopo la sentenza con la quale la Corte di Giustizia dell'Unione Europea nell'aprile scorso ha invalidato la Direttiva sulla Data retention nel Vecchio Continente. Si stabilisce così un obbligo di conservazione dei dati per 12 mesi in capo alle telco (a fronte dei 24 previsti nell'originaria norma comunitaria) e la loro messa a disposizione dell'intelligence locale. Per il Ministro degli Interni Theresa May si tratta di un'iniziativa senza la quale "si corre il rischio che gli assassini non vengano catturati, che i complotti terroristici passino inosservati, che i pedofili rimangano impuniti". Una serie di preoccupazioni che non mettono tuttavia la legge al riparo da pesanti dissensi; non ultime, le dure critiche nel metodo e nel merito arrivate da Edward Snowden, il whistleblower le cui rivelazioni sono alla base dello scandalo Datagate sulla sorveglianza massiccia e pervasiva operata dalla National Security Agency (Nsa) statunitense. Snowden, in una intervista rilasciata al Guardian, ha definito la nuova iniziativa britannica "molto simile" a quella che nel 2007 vide protagonista l'amministrazione Bush per l'introduzione del Protect America Act, un provvedimento d'emergenza sulla cooperazione tra agenzie di intelligence e operatori di telecomunicazioni. "I richiami a presunti pericoli ai quali è esposta la popolazione in mancanza di una nuova legge - ha affermato - sono gli stessi agitati negli Stati Uniti allora. La fretta con la quale si stanno approvando i provvedimenti nel Regno Unito sarebbe giustificabile solo nel caso in cui fossimo nel pieno di una guerra mondiale, sotto le bombe e con le navi nemiche in agguato". 16 luglio 2014
  • I medici britannici visiteranno i pazienti via Skype

    Il ministero della Salute britannico ha introdotto la sua "rivoluzione digitale" per medici e pazienti con una serie di misure che vedono spiccare quella che prevede la possibilità di essere visitati via Skype. Stando a quanto riferisce l'Ansa, infatti, insieme a provvedimenti come l'estensione degli orari di apertura alla sera e al fine settimana per permettere anche a chi lavora fino a tardi di vedere il proprio dottore, inizierà un progetto pilota che vedrà coinvolto un medico di famiglia su otto in Inghilterra. Il piano, che riguarderà 7 milioni di pazienti e beneficerà di uno stanziamento di 50 milioni di sterline, è stato annunciato dal premier David Cameron, il quale ha commentato: ''È un passo molto importante per la nostra sanità''. I fondi serviranno anche per mettere a disposizione degli anziani over 75, che hanno più bisogno di assistenza sanitaria, computer e iPad per monitorare le loro condizioni di salute e mettersi in contatto col loro medico, che potrà anche mandare prescrizioni via email. E se gli esperti sottolineano che la visita virtuale non può sostituire quella dal vivo, in particolare per le patologie più complesse, la riforma si era necessaria da tempo dato che sempre più britannici nel corso dei fine settimana finiscono per intasare il pronto soccorso degli ospedali, anche con problemi fisici non gravi e che quindi rischiano di rallentare il lavoro di medici e infermieri che devono dare priorità alle emergenze. Si calcola che nell'ultimo decennio il numero di persone che si sono rivolte al pronto soccorso in Inghilterra è cresciuto del 22%, contro un aumento della popolazione pari al 6,6%. LEGGI ANCHE "mHealth, al via la consultazione pubblica europea. La Commissione: "Nel 2017 risparmi per 99 miliardi di euro" Immagine in home page: Ec.europa.eu 15 aprile 2014
  • On porn censorship and liberal ethics in the UK. Brief notes on the Audiovisual Media Services Regulations 2014

    di Guido Noto La Diega Abstract This article deals with the highly criticised Audiovisual Media Services Regulations 2014, which provides that now the British Board of Film Classification (BBFC) regulations apply also to the videos-on-demand (and not only to DVDs). L’articolo dà conto dell’Audiovisual Media Service Regulations 2014, con cui dallo scorso primo dicembre si son ridotti grandemente i confini della liceità delle rappresentazioni audiovisive a carattere pornografico, là dove si è disposto che d’ora in poi si applicano ai video-on-demand le medesime restrizioni imposte dal British Board of Film Classification ai DVD. Summary. 1. Introduction - 2. The British Board of Film Classification Guidelines and unacceptable material - 3. The Audiovisual Media Services Regulations 2014 - 4. Conclusion. 1. On 1st December 2014 the Audiovisual Media Services Regulations 2014 (AMSR 2014) has come into force [1]. Made by the Secretary of State in exercise of the powers conferred by section 2(2) of the European Communities Act 1972 [2], the AMSR 2014 has the effect to ban the online streaming of videos representing a wide range of sexual practices. 2. In particular, the following content is today unacceptable not only for the DVDs, but also for the videos-on-demand (VoD) [3]: i. Material which is in breach of the criminal law, including material judged to be obscene under the current interpretation of the Obscene Publications Act 1959 [4]; ii. Material (including dialogue) likely to encourage an interest in sexually abusive activity which may include adults role-playing as non-adults; iii. The portrayal of sexual activity which involves real or apparent lack of consent, any form of physical restraint which prevents participants from indicating a withdrawal of consent; iv. The infliction of pain or acts which may cause lasting physical harm, whether real or (in a sexual context) simulated (some allowance may be made for moderate, non-abusive, consensual activity); v. Penetration by any object associated with violence or likely to cause physical harm; vi. Sexual threats, humiliation or abuse which do not form part of a clearly consenting role-playing game (strong physical or verbal abuse, even if consensual, is unlikely to be acceptable) [5]. 3. Until December 2014, the censorship hit the cited practises to the limited extent that they would have been shown in videos sold in licensed sex shops, but the ASMR 2014 broaden the scope of the prohibition by providing that the British Board of Film Classification (BBFC)[6] R18 certificate regulations [7] apply now also to the VoDs[8]. Moreover, an on-demand programme service must not contain a video work that the BBFC has given a R18 certificate to, any material that would have received such a certificate or other material that might seriously impair the physical, mental or moral development of persons under the age of 18 “unless the material is made available in a manner which secures that such persons will not normally see or hear it” [9] (whether it will be technically feasible is not undoubted though). 4. Whilst the aim of strengthening the children protection warrants everyone’s applause (it provides “stricter rules than is required by the Directive” [10], as stated in the explanatory memorandum to the ASMR 2014), more doubts arise from the ban regarding adults-targeted VoDs. On closer view, hence, the problem goes back to the early stages. It is plausible that in a converging media world the same law should apply to the hard-copy DVDs and to the VoDs. Those who cry scandal today, they should have said something also to the ban applying to DVDs. Probably nothing has been said because of the low economic and social importance that the DVDs have nowadays: now that the censorship applies to the increasingly relevant world of the VoDs, it has come the time to stand for a more liberal policy and to question the compatibility of the statutory law with the case law exemplified by R v Michael Peacock of 6 January 2012 [11], where it has been decided, among the other things, that showing  extreme sexual acts between men, such as BDSM (whipping, staged kidnapping and rape play), fisting and urolagnia do not "deprave and corrupt" the viewer [12]. Note [1] The act at hand was made on 4th November 2014 and laid before Parliament on 6th November 2014. It amends the Communications Act 2003 which provides for the regulatory framework for on-demand programme services. The Communication Act 2003 was previously amended by the Audiovisual Media Services Regulations 2009(6) and 2010(7), which implement Directive 2007/65 EC of the European Parliament and of the Council amending Council Directive 89/552/EEC on the coordination of certain provisions laid down by law, regulation or administrative action in Member States concerning the provision of audiovisual media services. [2] The “Act to make provision in connection with the enlargement of the European Communities to include the United Kingdom, together with (for certain purposes) the Channel Islands, the Isle of Man and Gibraltar” (official name of the European Communities Act 1972) provides for the incorporation of EU Law into the British system (for the Republic of Ireland s. the namesake European Communities Act 1972 (No. 27 of 1972). The mentioned section provides a general power for further implementation of Community obligations by means of secondary legislation. [3] VoD is used for “systems that allow one to watch a certain video content at any point in time via communication systems such as cable TV, satellite or the Internet […] on the one hand services such as pay-per-view that allow viewers to watch a movie on a digital TV channel with the restriction that those movies are only offered at certain points in time; on the other hand VoD describes services such as True-VoD (TVoD) that allow a client to watch a video content immediately after its request” (M. Zink, Scalable Video on Demand. Adaptive Internet-based Distribution,WIley, 2013, § 2.3.7). [4] In light of the mentioned act, a work is obscene if, taken as a whole, it has a tendency to deprave and corrupt a significant proportion of those likely to see it.

    [5] SeeBBFC Guidelines. Age Ratings You Trust, 24, availableat http://www.bbfc.co.uk/sites/default/files/attachments/BBFC%20Classification%20Guidelines%202014_5.pdf (accessed 9th January 2015).

    [6] The Commission is sometimes called British Board of Film Censors, even though the name has changed in 1985 (s., e.g.,http://www.independent.co.uk/news/uk/a-long-list-of-sex-acts-just-got-banned-in-uk-porn-9897174.html ,accessed 9th January 2015, regarding the protests against the news here discussed). Itis an independent, non-governmental body which has classified cinema films since it was set up in 1912 and videos/ DVDs since the Video Recordings Act was passed in 1984 (see http://www.bbfc.co.uk/about-bbfc , accessed 9th January 2015). [7] The mentioned certificate was created in 1982 and consists of a film and video classification, whose diffusion is considered inappropriate by the BBFC, even though it does not necessarily go beyond the three Obscene Publications Acts of 1857, 1959 and 1964. [8] This is made by amending section 368E(d) of the Communication Act 2003 (harmful material), whose subsection (2) is substituted by “an on-demand programme service must not contain any prohibited material”. Prohibited material is: i. A video work which the video works authority has determined for the purposes of the Video Recordings Act 1984 (which states that commercial video recordings offered for sale or for hire within the UK must carry a classification that has been agreed upon by) not to be suitable for a classification certificate to be issued in respect of it, or ii. material whose nature is such that it is reasonable to expect that, if the material were contained in a video work submitted to the video works authority for a classification certificate, the video works authority would determine for those purposes that the video work was not suitable for a classification certificate to be issued in respect of it. [9] The third amendment it to section 368B(10) of the Communication Act 2003, so now Ofcom (Office of Communication, government-approved regulatory and competition authority for the broadcasting, telecommunications and postal industries) and the designated body, the Authority for Television On Demand (ATVOD), have the power to supply information to the BBFC for use by the BBFC in connection with the functions of Ofcom and ATVOD as the co-regulators for on-demand programme services. [10] Explanatory Memorandum to the Audiovisual Media Services Regulations 2014, 2014 No. 2916, § 4.2. The directive at hand is dir. 2010/13/EU. [11] L. Siry, Extreme Pornography Regulation in the UK: Recent Developments, 6 Masaryk U. J.L. & Tech. 283 (2012) moves from the mentioned case. [12] It is true that formally the normative basis here is the Obscene Publication Act 1959, but, at the same time, the BBFC Guidelines refer to this last statute. Moreover, it is notable the ongoing Weltanschauungcollision. 15 gennaio 2015
  • Proprietà Intellettuale, l'advisor di Cameron: "Rifinanziare l'Unità speciale della London Police. E puntare sul Follow the Money"

    Mike Weatherley, il deputato conservatore nominato nel settembre scorso advisor sulla proprietà intellettuale del premier inglese David Cameron, sembra essere particolarmente fiero del lavoro svolto dagli agenti della del Police Intellectual Property Crime Unit (Pipcu), cellula istituita all’interno del corpo di polizia di Londra alla fine del 2012 e diventata operativa circa sette mesi fa. Il compito dell’unità, finanziata con 2,5 milioni di sterline per due anni, è proprio quello di reprimere le violazioni di proprietà intellettuale a mezzo Internet; Weatherley ha richiesto al primo ministro e al titolare degli Interni Theresa May di rinnovare e strutturare in maniera permanente i finanziamenti verso la PIPCU, "impegnata in una serie interessanti progetti volti ad arginare la circolazione di contenuti illeciti". La Unit si è già distinta nei mesi scorsi per inedite azioni antipirateria; dopo aver inviato degli avvertimenti ai titolari di siti sospettati di ospitare contenuti in violazione di copyright in terra Britannica, e di fronte al mancato adeguamento al contenuto delle comunicazioni, gli agenti hanno provveduto a contattare direttamente i registrar. Dopo la pioggia di sospensioni dei domini, tuttavia, dal rifiuto arrivato dall'ISP canadese EasyDNS, i cui vertici hanno risposto alla missiva invitando la polizia del Regno unito a servirsi di un mandato giudiziario prima di inviare determinate richieste, è scaturito un ricorso e una bocciatura per le stesse richieste da parte del National Aribtration Forum. Ma l'approccio indicato da Weatherley per i prossimi mesi di lavoro della PIPCU ha una direzione in particolare: "Follow the Money". È di poche settimane fa l'appello che gli stessi agenti hanno lanciato nei confronti degli inserzionisti dell'online a non finanziare i siti sospettati di ospitare e favorire la circolazione illecita di materiale protetto da diritto d'autore. Il tutto facendo riferimento ad una Infringing Website List (IWL). "Se solo riuscissimo a togliere queste risorse a determinati siti - afferma Weatherley - potremmo ridurre la circolazione dei contenuti illeciti del 95%". LEGGI "Pirateria in Uk, l'advisor di Cameron: "Il bastone nei confronti degli Internet Service Provider che agevolano l'illegalità" "Ho avuto interessanti confronti con i colleghi europei - spiega - e ne sono uscito con una convinzione: la Gran Bretagna deve essere il leader della lotta alla pirateria nel Continente". L’advisor di Cameron punta insomma sulle forze di polizia nel bel mezzo del dibattito che condurrà all’adozione del Digital Economy Act (Dea), la nuova legge sul diritto d'autore per il Regno Unito che tuttavia non vedrà la luce prima del 2015. Il cammino di questa iniziativa legislativa è iniziato con l’approvazione della “cura Mandelson” nell’aprile del 2010, ma al fianco di infuocate polemiche per le misure di takedwon previste nel testo sono arrivate nel tempo anche azioni legali come il ricorso presentato nel giugno 2011 dai provider British Telecom eTalkTalk, iniziativa respinta nel marzo dell’anno successivo. Nell’aprile 2012 l’entrata in vigore della legge slittava al 2014mentre venivano pubblicate le linee guida sulle quali sarebbe stato messo a punto il testo. Nel giugno 2013 un nuovo, decisivo rinvio. Ciò che si muove è sul fronte dell'introduzione della disciplina della copia privata. L'attenzione di Weatherley, tuttavia, è anche in merito alla sensibilizzazione ed educazione al rispetto della Proprietà Intellettuale: "Con l'aiuto dell'Intellectual Property Office abbiamo messo a punto una task force che ha l'obiettivo di partecipare ad almeno 100 forum l'anno sulla materia". Il tutto prima di aver etichettato Google come "parte della soluzione". LEGGI "Antipirateria, l'appello della polizia di Londra agli inserzionisti: "Non finanziate certi siti". Intanto crescono le violazioni da mobile" Immagine in home page: 2.bp.blogspot.com 15 aprile 2014
  • Striking a Balance among Security, Privacy and Competition. The Data Retention and Investigatory Powers Act 2014 (DRIP)

    di Guido Noto La Diega Abstract: Following the ECJ decision that declared the Data Retention Directive invalid, the Data Retention and Investigatory Powers Act 2014 (DRIP) has been enacted. It is not undisputable whether the DRIP gives more powers to the intelligence services at the detriment of both citizens’ privacy and freedom of enterprise or whether it simply clarifies the nature and extent of obligations that can be imposed on telecommunications service providers based outside the UK under Part 1 of the Regulation of Investigatory Powers Act 2000 (RIPA).

  • UK, sulla proprietà intellettuale Cameron ha un nuovo consigliere

    Il premier inglese ha affidato a Mike Weatherley, deputato tory e già vice presidente della Motion picture licensing company, il compito di affiancare il governo nella lotta alla pirateria La squadra antipirateria del Regno Unito ha un nuovo membro. Il premier David Cameron ha infatti nominato Mike Weatherley come suo consigliere sulla proprietà intellettuale, con il chiaro intento di proteggere le “industrie creative” dai danni che derivano dalla condivisione illecita di materiale protetto da copyright. Weatherley, 56 anni, parlamentare conservatore e già vice presidente della Motion picture licensing company, dovrà quindi contribuire a rispondere alle richieste che arrivano sempre più pressanti verso il governo dalle major dell'intrattenimento, che sicuramente non apprezzano i numerosi rinvii  che hanno riguardato l'adozione del Dgital Economy Act (Dea), la nuova legge antipirateria per il Regno Unito che non vedrà la luce prima di un paio d'anni. Tempistiche indicate anche da Campbell Cowie dell'Ofcom, il quale nel maggio scorso, in occasione del workshop organizzato dall'Agcom alla Camera dei deputati, dichiarava:
    Dobbiamo avere la massima cautela su tutti i punti critici che riguardano il confine tra consumo ed infrazione. Esiste la necessità di valutare caso per caso per conoscere a fondo chi è che viola le regole e quale reale danno può arrecare all’industria. Questo per scongiurare decisione eccessive e talvolta inutili. È per questo che in Uk non avremo una nuova legge prima del 2015″.
    Nel frattempo, l'enforcement viene affidato al ruolo di “ponte” tra industria e Parlamento che lo stesso Weatherley ha dichiarato di voler interpretare seguendo un “approccio a tre dimensioni: educazione, bastone e carota”. Foto: newsfrombrighton.co.uk  13 settembre 2013