DIMT.IT - professro

  • Proprietà Intellettuale: per una prospettiva sistematica

    di Gustavo Ghidini* E’ quasi superfluo rimarcare quanto il complessivo quadro normativo della PI si sia complicato - e con speciale intensità nell’ultimo cinquantennio - rispetto alla classica  rappresentazione delle grandi Convenzioni di fine ‘800, Parigi e Berna. In estrema sintesi, alla intrinseca diversità di oggetto, funzione, lineamenti caratteristici dei singoli paradigmi fondamentali (brevetto, marchio, diritto d’autore), sì è aggiunta una progressiva frammentazione interna, per così dire, dei medesimi. Si pensi alla varietà di modelli brevettuali ‘speciali’ (per novità vegetali, biotecnologie, topografie di semiconduttori) [1] , o alla varietà di (regimi dei ) diritti c.d. connessi con il diritto d’autore.