DIMT.IT - uk

  • Music Inc, un'app contro la pirateria. L'iniziativa dell'industria musicale britannica

    Se la lotta alla pirateria a mezzo di mera repressione ha dimostrato i suoi limiti, appare necessaria da una lato una sempre maggiore apertura verso i nuovi dispositivi e tecnologie e, dall'altro, uno sforzo importante verso la sensibilizzazione dei consumatori all'uso legale. È la valutazione che sembra essere alla base dell'ultima iniziativa nata dalla collaborazione tra la Music e l'Intellectual Property Office britannico, che hanno da poche ore lanciato Music Inc., un'app per iOS e Android che punta ad insegnare agli utenti le dinamiche del funzionamento del business musicale tramite un semplice espediente di gamification che fa vestire all'utente stesso i panni di un manager che deve costruire la sua carriera partendo dai giovani artisti senza grosso seguito. IMG_9182E così l'app, che durante l'apertura al posto del classico "loading" mostra un ironico "composing", concede al giocatore un primo ristretto budget e la scelta delle band o dei solisti da "scritturare" mettendo in diretta corrispondenza il loro costo con il numero di fan che li supporta. Dopo il passaggio nella sala di incisione, il disco è pronto per essere lanciato sul mercato. Ma con quali modalità? È qui che il giocatore/manager si trova a fare i conti con le dinamiche del mercato musicale diviso tra i supporti fisici e i loro mercati conosciuti ma in continua discesa e le piattaforme di downloading e streaming che garantiscono un più ampio pubblico potenziale ma ritorni economici, almeno nell'immediato, molto più bassi. Tuttavia, può capitare che il singolo del proprio artista venga scelto come jinlge di una pubblicità o che i primi concerti vadano bene, e allora le entrate iniziato a mostrare incoraggianti frecce verdi; il problema è quando le tracce finiscono su qualche frequentato portale di file sharing. IMG_9186È in quel caso che i grafici delle vendite iniziano a mostrare in poco tempo percentuali a due cifre alla voce "download pirata". L'app a questo punto lascia che il manager precipiti in una spirale di azioni antipirateria che non danno risultati dal punto di vista delle rendite, soprattutto per quello che riguarda le azioni legali. La fine del percorso lascia con l'amaro in bocca per non essere riusciti a trovare una soluzione al problema della pirateria dopo il lancio del nostro prodotto sui canali digitali, ed è questo forse il più grande difetto di un'iniziativa che ha comunque il pregio di cercare di portare un consumatore medio alla scoperta (per quanto superficiale) di ciò che c'è dietro un prodotto dell'industria musicale. LEGGI "AT&T brevetta un nuovo strumento per individuare i 'pirati'" LEGGI "Facebook, gli "indicatori sociali" contro i contenuti pirata" 6 febbraio 2014
  • On porn censorship and liberal ethics in the UK. Brief notes on the Audiovisual Media Services Regulations 2014

    di Guido Noto La Diega Abstract This article deals with the highly criticised Audiovisual Media Services Regulations 2014, which provides that now the British Board of Film Classification (BBFC) regulations apply also to the videos-on-demand (and not only to DVDs). L’articolo dà conto dell’Audiovisual Media Service Regulations 2014, con cui dallo scorso primo dicembre si son ridotti grandemente i confini della liceità delle rappresentazioni audiovisive a carattere pornografico, là dove si è disposto che d’ora in poi si applicano ai video-on-demand le medesime restrizioni imposte dal British Board of Film Classification ai DVD. Summary. 1. Introduction - 2. The British Board of Film Classification Guidelines and unacceptable material - 3. The Audiovisual Media Services Regulations 2014 - 4. Conclusion. 1. On 1st December 2014 the Audiovisual Media Services Regulations 2014 (AMSR 2014) has come into force [1]. Made by the Secretary of State in exercise of the powers conferred by section 2(2) of the European Communities Act 1972 [2], the AMSR 2014 has the effect to ban the online streaming of videos representing a wide range of sexual practices. 2. In particular, the following content is today unacceptable not only for the DVDs, but also for the videos-on-demand (VoD) [3]: i. Material which is in breach of the criminal law, including material judged to be obscene under the current interpretation of the Obscene Publications Act 1959 [4]; ii. Material (including dialogue) likely to encourage an interest in sexually abusive activity which may include adults role-playing as non-adults; iii. The portrayal of sexual activity which involves real or apparent lack of consent, any form of physical restraint which prevents participants from indicating a withdrawal of consent; iv. The infliction of pain or acts which may cause lasting physical harm, whether real or (in a sexual context) simulated (some allowance may be made for moderate, non-abusive, consensual activity); v. Penetration by any object associated with violence or likely to cause physical harm; vi. Sexual threats, humiliation or abuse which do not form part of a clearly consenting role-playing game (strong physical or verbal abuse, even if consensual, is unlikely to be acceptable) [5]. 3. Until December 2014, the censorship hit the cited practises to the limited extent that they would have been shown in videos sold in licensed sex shops, but the ASMR 2014 broaden the scope of the prohibition by providing that the British Board of Film Classification (BBFC)[6] R18 certificate regulations [7] apply now also to the VoDs[8]. Moreover, an on-demand programme service must not contain a video work that the BBFC has given a R18 certificate to, any material that would have received such a certificate or other material that might seriously impair the physical, mental or moral development of persons under the age of 18 “unless the material is made available in a manner which secures that such persons will not normally see or hear it” [9] (whether it will be technically feasible is not undoubted though). 4. Whilst the aim of strengthening the children protection warrants everyone’s applause (it provides “stricter rules than is required by the Directive” [10], as stated in the explanatory memorandum to the ASMR 2014), more doubts arise from the ban regarding adults-targeted VoDs. On closer view, hence, the problem goes back to the early stages. It is plausible that in a converging media world the same law should apply to the hard-copy DVDs and to the VoDs. Those who cry scandal today, they should have said something also to the ban applying to DVDs. Probably nothing has been said because of the low economic and social importance that the DVDs have nowadays: now that the censorship applies to the increasingly relevant world of the VoDs, it has come the time to stand for a more liberal policy and to question the compatibility of the statutory law with the case law exemplified by R v Michael Peacock of 6 January 2012 [11], where it has been decided, among the other things, that showing  extreme sexual acts between men, such as BDSM (whipping, staged kidnapping and rape play), fisting and urolagnia do not "deprave and corrupt" the viewer [12]. Note [1] The act at hand was made on 4th November 2014 and laid before Parliament on 6th November 2014. It amends the Communications Act 2003 which provides for the regulatory framework for on-demand programme services. The Communication Act 2003 was previously amended by the Audiovisual Media Services Regulations 2009(6) and 2010(7), which implement Directive 2007/65 EC of the European Parliament and of the Council amending Council Directive 89/552/EEC on the coordination of certain provisions laid down by law, regulation or administrative action in Member States concerning the provision of audiovisual media services. [2] The “Act to make provision in connection with the enlargement of the European Communities to include the United Kingdom, together with (for certain purposes) the Channel Islands, the Isle of Man and Gibraltar” (official name of the European Communities Act 1972) provides for the incorporation of EU Law into the British system (for the Republic of Ireland s. the namesake European Communities Act 1972 (No. 27 of 1972). The mentioned section provides a general power for further implementation of Community obligations by means of secondary legislation. [3] VoD is used for “systems that allow one to watch a certain video content at any point in time via communication systems such as cable TV, satellite or the Internet […] on the one hand services such as pay-per-view that allow viewers to watch a movie on a digital TV channel with the restriction that those movies are only offered at certain points in time; on the other hand VoD describes services such as True-VoD (TVoD) that allow a client to watch a video content immediately after its request” (M. Zink, Scalable Video on Demand. Adaptive Internet-based Distribution,WIley, 2013, § 2.3.7). [4] In light of the mentioned act, a work is obscene if, taken as a whole, it has a tendency to deprave and corrupt a significant proportion of those likely to see it.

    [5] SeeBBFC Guidelines. Age Ratings You Trust, 24, availableat http://www.bbfc.co.uk/sites/default/files/attachments/BBFC%20Classification%20Guidelines%202014_5.pdf (accessed 9th January 2015).

    [6] The Commission is sometimes called British Board of Film Censors, even though the name has changed in 1985 (s., e.g.,http://www.independent.co.uk/news/uk/a-long-list-of-sex-acts-just-got-banned-in-uk-porn-9897174.html ,accessed 9th January 2015, regarding the protests against the news here discussed). Itis an independent, non-governmental body which has classified cinema films since it was set up in 1912 and videos/ DVDs since the Video Recordings Act was passed in 1984 (see http://www.bbfc.co.uk/about-bbfc , accessed 9th January 2015). [7] The mentioned certificate was created in 1982 and consists of a film and video classification, whose diffusion is considered inappropriate by the BBFC, even though it does not necessarily go beyond the three Obscene Publications Acts of 1857, 1959 and 1964. [8] This is made by amending section 368E(d) of the Communication Act 2003 (harmful material), whose subsection (2) is substituted by “an on-demand programme service must not contain any prohibited material”. Prohibited material is: i. A video work which the video works authority has determined for the purposes of the Video Recordings Act 1984 (which states that commercial video recordings offered for sale or for hire within the UK must carry a classification that has been agreed upon by) not to be suitable for a classification certificate to be issued in respect of it, or ii. material whose nature is such that it is reasonable to expect that, if the material were contained in a video work submitted to the video works authority for a classification certificate, the video works authority would determine for those purposes that the video work was not suitable for a classification certificate to be issued in respect of it. [9] The third amendment it to section 368B(10) of the Communication Act 2003, so now Ofcom (Office of Communication, government-approved regulatory and competition authority for the broadcasting, telecommunications and postal industries) and the designated body, the Authority for Television On Demand (ATVOD), have the power to supply information to the BBFC for use by the BBFC in connection with the functions of Ofcom and ATVOD as the co-regulators for on-demand programme services. [10] Explanatory Memorandum to the Audiovisual Media Services Regulations 2014, 2014 No. 2916, § 4.2. The directive at hand is dir. 2010/13/EU. [11] L. Siry, Extreme Pornography Regulation in the UK: Recent Developments, 6 Masaryk U. J.L. & Tech. 283 (2012) moves from the mentioned case. [12] It is true that formally the normative basis here is the Obscene Publication Act 1959, but, at the same time, the BBFC Guidelines refer to this last statute. Moreover, it is notable the ongoing Weltanschauungcollision. 15 gennaio 2015
  • Pirateria in Uk, l'advisor di Cameron: "Il bastone nei confronti degli Internet Service Provider che agevolano l'illegalità"

    Mike Weatherley, deputato tory diventato consigliere del premier in materia di tutela della proprietà intellettuale nel settembre scorso, entra a gamba tesa in un dibattito orientato alla riforma della disciplina del diritto d'autore nel Regno Unito: "Anche l'industria creativa deve fare la sua parte, diventare più flessibile e scrollarsi di dosso i vecchi dogmi. L’industria musicale, ad esempio, ha perso anni dicendo ‘no’ al posto di ‘come?’ " "Se in materia di lotta alla pirateria non dovessero funzionare né l'educazione né l'approccio della 'carota', bisognerà usare il 'bastone'. Il governo sarà chiamato ad intervenire posizionando i necessari meccanismi di controllo al loro posto, il che include anche ritenere gli Internet Service Provider responsabili se facilitano consapevolmente le pratiche di download illegale e non prendono provvedimenti per fermare queste forme di pirateria". Così Mike Weatherley, il deputato conservatore nominato nel settembre scorso advisor sulla proprietà intellettuale del premier David Cameron, in un articolo pubblicato sulla rivista della World Intellectual Property Organization. Weatherley, 56 anni, già vice presidente della Motion picture licensing company, non usa mezze misure nel tentativo di rispondere a due domande:
    "Qual è il giusto approccio nella tutela della proprietà intellettuale e come dovrebbero essere applicati certi diritti? C'è bisogno del coinvolgimento del governo, dei player dell'industria o una miscela di entrambi?".
    Dopo aver bollato come "inadeguati anche per l'era analogica" alcuni set di diritti riguardanti l'industria creativa e aver ricondotto alla necessità che il dibattito in materia abbia una dimensione europea, Weatherley punta il dito proprio verso i produttori e i distributori di contenuti: "Alla fine della giornata, l'industria creativa deve assumersi la responsabilità per la sua incapacità di tenere il passo con l'era digitale. La tecnologia metterà a disposizione sempre nuovi modi per accedere ai contenuti, e se i creatori non inizieranno ad abbracciare queste tecnologie lasceranno ai gruppi di interesse dei 'diritti aperti' il potere di dettare i tempi e le modalità del mercato. L'industria creativa è la sola responsabile del suo non evolvere abbastanza velocemente. L'industria musicale, ad esempio, ha perso anni dicendo 'no' al posto di 'come?' ". [caption id="attachment_4516" align="alignright" width="300"]Mike Weatherley Mike Weatherley[/caption] Un invito ad un adeguamento tecnologico al quale si affianca quello ad una maggiore presenza in termini di rappresentanza di interessi e "più aggressivo sostegno" ai diritti di proprietà intellettuale: "Nel 2010 - scrive -  al Worldwide Internet Governance Forum delle Nazioni Unite tenutosi a Vilnius, Lituania, è stato scioccante vedere come nessuno dell'industria o del governo fosse presente per sostenere la tutela dei diritti di proprietà intellettuale. Al contrario, i membri del Partito Pirata erano lì nel pieno delle forze per sostenere che tutti i contenuti dovrebbero essere rese disponibili gratuitamente". E ancora: "I titolari di diritti devono rendersi conto che il loro ruolo è fondamentale in questa partita; l'industria parla a se stessa con grande capacità ma non riesce a fare altrettanto all'esterno, finendo per perdere la guerra della propaganda". Agli esempi sui modelli di maggiore "flessibilità" che l'industria creativa "deve adottare per essere parte della soluzione", il consigliere di Cameron fa seguire i "tre fronti d'azione" per una riforma della disciplina del diritto d'autore nel Regno Unito volta a bilanciare tutele per chi produce e l'accesso ai contenuti: "Educazione, bastone e carota". "L'educazione è il primo passo fondamentale, occorre far capire al consumatore che non pagando i contenuti si incoraggia la produzione di beni di bassa qualità. La 'carota' consiste nel cambiamento di alcune pratiche dell'industria, alla quale si chiede uno sforzo volto a mettere a disposizione del pubblico una sempre maggiore quantità di offerta legale, abbandonando i vecchi dogmi e abbracciando nuove soluzioni come le licenze multi-formato per l'industria cinematografica domestica e piattaforme come Spotify e Bloom.fm. L'industria deve quindi assumere un ruolo guida e dare ai consumatori quello che vogliono in un mercato in rapida evoluzione, deve assicurarsi che la 'carota' sia attraente . E poi, se tutto il resto fallisce, dovrà intervenire un supporto legale da parte dei legislatori". La politica del 'bastone' è invece riassunta nelle intenzioni in materia di responsabilità degli Isp sopra menzionate, dopo le quali Weatherley chiosa: "Il settore creativo in tutti i paesi è un contributo significativo al PIL. Per prosperare la società ha bisogno di premiare chi crea". L'advisor di Cameron sembra quindi alzare l'asticella in vista di un 2014 che sarà molto probabilmente dominato dal dibattito che condurrà all'adozione del Digital Economy Act (Dea), la nuova legge antipirateria per il Regno Unito che tuttavia non vedrà la luce prima del 2015. Il cammino di questa iniziativa legislativa è iniziato con l’approvazione della “cura Mandelson” nell’aprile del 2010, ma al fianco di infuocate polemiche per le misure di takedwon previste nel testo sono arrivate nel tempo anche azioni legali come il ricorso presentato nel giugno 2011 dai provider British Telecom e TalkTalk, iniziativa respinta nel marzo dell’anno successivo. Nell’aprile 2012 l’entrata in vigore della legge slittava al 2014mentre venivano pubblicate le linee guida sulle quali sarebbe stato messo a punto il testo. Nel giugno 2013 un nuovo rinvio, con le tempistiche della nuova legge che appaiono chiare anche in dichiarazioni come quella rilasciata da Campbell Cowie dell'Ofcom nel maggio scorso in occasione del workshop organizzato dall'Agcom alla Camera dei deputati:
    "Dobbiamo avere la massima cautela su tutti i punti critici che riguardano il confine tra consumo ed infrazione. Esiste la necessità di valutare caso per caso per conoscere a fondo chi è che viola le regole e quale reale danno può arrecare all’industria. Questo per scongiurare decisione eccessive e talvolta inutili. È per questo che in Uk non avremo una nuova legge prima del 2015″.
    Nel frattempo, le autorità di polizia hanno creato "reparti speciali" come la Police Intellectual Property Crime Unit (Pipcu) operativa all'interno del corpo polizia di Londra e impegnata nella repressione dei reati di violazione del diritto d'autore online con pratiche che arrivano anche all'ordine di oscuramento dei domini avanzato direttamente ai registar. Foto: 2.bp.blogspot.com  28 dicembre 2013
  • Private copy sì, ma a pagamento: la decisione dell’Alta Corte UK riaccende il dibattito sulla fair compensation

    di Concetta Pecora (via MediaLaws) Non accenna a placarsi il fuoco della polemica sulla riforma della normativa anglosassone in materia di copyright, anche adesso che la tanto dibattuta private copying exception è diventata realtà. Lo scorso 27 gennaio 2015 la High Court Inglese ha accolto l’istanza, presentata dalla BASCA (British Academy of Songwriters, Composers and Authors), unitamente alla Musicians’ Union, sindacato dei musicisti anglosassoni, e all’associazione UK Music, per l’ottenimento dell’autorizzazione a richiedere la judicial review della neonata normativa sulla eccezione per copia privata. L’Alta Corte ha difatti riconosciuto la contrarietà dell’attuale disciplina – connotata dall’assenza della previsione di una fair compensation a favore dei titolari dei diritti – al dettato della direttiva 2001/29/CE (c.d. direttiva InfoSoc), autorizzando le associazioni istanti a chiedere la revisione della decisione governativa di escludere un meccanismo di equo compenso. In attesa del responso – l’udienza per la judicial review è prevista per il mese di maggio 2015 – è utile fare un passo indietro, al fine di comprendere a pieno i termini del dibattito. Il 29 luglio 2014 il Governo anglosassone ha finalmente abbattuto l’antico baluardo del divieto di copia privata, introducendo una norma ad hoc che, consentendo di derogare all’esclusività del diritto di riproduzione, legittima l’effettuazione di copie, a fini non commerciali, dei contenuti protetti. Alla base dell’intervento riformatore, l’esigenza – da più partiavvertita– di procedere a un ammodernamento della disciplinasul copyright in grado di colmare il gap esistente tra dato normativo e prassi; uno scollamento, divenuto ormai lampante, tra divieto legislativo – quello di eseguire copie private dei contenuti protetti – e comportamento delle parti. Più precisamente, nel vigore della precedente disciplina, qualsiasi attività di riproduzione di materiali protetti, anche se confinata nella sfera domestica, richiedeva la preventiva autorizzazione da parte del titolare dei diritti –c.d. copyright owner - ; ne discendeva l’illiceità di qualsivoglia operazione di copia dei contenuti, ivi comprese attività routinarie quali quella di back up di dati e di space shifting. Un’ illiceità – preme evidenziare – che nella maggior parte dei casi risultava ignorata dagli utenti – i quali agivano nella convinzione di operare within the law – e tollerata dai titolari dei diritti, i quali solo in rarissimi casi si attivavano a fronte di attività costituenti “reasonable acts of private copying”. La nuova section 28 B, realizzando un ormai indilazionabile allineamento della disciplina anglosassone a quella degli altri Paesi Europei, ha finalmente introdotto una eccezione per copia privata in grado di spogliare del connotato della illiceità attività ormai saldamente radicate nel comportamento degli users e da sempre percepite come lecite e innocue. A ben vedere, si tratta di una eccezione formulata con estrema cautela, in un’ottica di minimizzazione del potenziale pregiudizio per i copyright owners e di accorto – o forse poco coraggioso? – bilanciamento tra le istanze degli utenti e quelle dei titolari dei contenuti. In primis, la nuova private copy exception circoscrive la possibilità di effettuare copie ad uso privato delle opere protette ai soli contenuti posseduti “on a permanent basis”,con esclusione dunque dei materiali noleggiati, presi in prestito o di cui gli utenti fruiscano via streaming. E’ inoltre tassativamente vietato il trasferimento permanente delle copie realizzate a soggetti terzi, anche all’interno del nucleo familiare, il che consente di ridurre in misura significativa il pregiudizio per gli autori legato ai lost incomesdelle vendite. Permane, infine, la facoltà per i titolari dei diritti di utilizzare misure tecnologiche di protezione (TPM), quale strumento di monitoraggio e controllo della effettuazione di copie da parte degli utenti. Una “narrow exception”, com’è stata da subito definita , i cui rigidi limiti applicativi incontrano il loro contrappeso nella mancata previsione di un sistema di levy, in totale discordanza con quanto previsto dalle normative interne degli altri Paesi dell’Unione, la cui disciplina sulla copia privata risulta imperniata sul meccanismo della fair compensation. Invero, il Governo anglosassone, sin dai primi vagiti della riforma del CDPA, si è mostrato tassativamente contrario alla previsione di un meccanismo di equo compenso per copia privata, evidenziando come la formulazione di una privatecopying exception così cauta nel preservare gli interessi dei rightholders rendesse del tutto superflua e ingiustificata l’imposizione di un levy system. Secondo quanto ampiamente argomentato dall’esecutivo britannico, se è vero che la ratio della fair compensationrisiede nella esigenza di indennizzare il titolare del copyrightper il pregiudizio derivantegli dalla compressione del diritto esclusivo di riproduzione delle opere protette, deve allora ritenersi che tale necessità di remunerazione non sussista laddove tale sacrificio sia di entità così insignificante da non incidere in misura effettiva sui diritti del titolare. Una logica di pesi e contrappesi, quella su cui si fonda la private copying exception che, sebbene ineccepibilmente coerente nel calibrare gli interessi delle parti, ha incontrato l’agguerrita opposizione delle associazioni di categoria degli autori, i quali invocano il proprio diritto alla percezione di un equo compenso, alla pari dei colleghi europei. Più precisamente, l’argomento invocato dai copyright ownersa sostegno della propria pretesa di introdurre un levy system analogo a quello previsto dagli altri Stati dell’Unione, attiene all’asserita difformità della neo-approvata private copying exception rispetto al disposto dell’art. 5, n.2 (b) della direttiva 2001/29/CE, il quale subordina la facoltà per gli Stati Membri di introdurre deroghe alla esclusività del diritto di riproduzione alla corresponsione di una fair compensation a favore dei titolari dei diritti. Una tesi, questa appena esposta, giudicata convincente dall’Alta Corte, che ha ritenuto fondate le obiezioni sollevate dalle associazioni di categoria, le quali hanno rilevato come la lettera dell’art. 5 sia univoca nel condizionare l’introduzione della eccezione per copia privata alla contestuale previsione di una remunerazione a favore dei rightholders. Qualcosa però non convince. Difatti, un siffatto approccio interpretativo, fondato sull’assunto dell’assoluta inscindibilità tra diritto di copia privata e corresponsione dell’equo compenso, parrebbe confliggere con il dettato del considerando n. 35 della direttiva InfoSoc, in forza del quale è esclusa la sussistenza di un obbligo di remunerazione del titolare dei diritti qualora il danno potenzialmente derivantegli dalla eccezione alla esclusività del diritto di copia sia minimo. Invero, nel caso di specie, l’estrema cautela con cui è stata concepita e costruita l’eccezione per copia privata prevista dalla section 28B potrebbe ragionevolmente legittimare l’applicazione della clausola contenuta al considerando 35, atteso che i vincoli ai quali è assoggettato il diritto di riproduzione privata risultano così stringenti da neutralizzare quasi del tutto il pregiudizio dei rightholders. Com’ è agevole intuire, la chiave di volta per sciogliere il nodo sulla sussistenza o meno di un dovere di fair compensation è rappresentata dalla corretta interpretazione della nozione di “minimal harm” di cui all’ultima parte del considerando 35, nonché nel coordinamento tra la disposizione richiamata e l’art. 5. Spetterà ai giudici stabilire se la deroga introdotta nel luglio del 2014 ricada nella ipotesi contemplata dal considerando o, al contrario, importi una compressione dei diritti di sfruttamento dei copyright owners meritevole di remunerazione, ai sensi dell’art. 5, n.2 (lett.b). In quest’ultimo caso, sarebbe tutto il sistema a vacillare. Se è vero, difatti, che l’eccezione per copia privata è stata così rigidamente formulata dal Governo inglese con l’intento – dichiarato – di bypassare l’obbligo di fair compensation, un siffatto rigore resterebbe evidentemente ingiustificato ove si procedesse alla introduzione di un levy system comune agli altri Paesi dell’Unione. A pagarne le spese, ancora una volta, sarebbe la libera circolazione delle creazioni intellettuali e la loro utilizzazione da parte degli utenti, i quali, oltre a sopportare la maggiorazione dei prezzi di vendita dei dispositivi e supporti di registrazione, derivante dalla imposizione dell’equo compenso, si troverebbero con in mano un diritto “monco”, il cui contenuto era stato così rigorosamente calibrato proprio a fronte della mancata previsione di un equo compenso a favore dei rightholders. Non resta che attendere l’udienza di maggio per conoscere il verdetto, con la speranza che a soccombere non sia il buonsenso. Consulta Osservatorio di Diritto comparato 19 febbraio 2015
  • Proprietà Intellettuale, l'advisor di Cameron: "Rifinanziare l'Unità speciale della London Police. E puntare sul Follow the Money"

    Mike Weatherley, il deputato conservatore nominato nel settembre scorso advisor sulla proprietà intellettuale del premier inglese David Cameron, sembra essere particolarmente fiero del lavoro svolto dagli agenti della del Police Intellectual Property Crime Unit (Pipcu), cellula istituita all’interno del corpo di polizia di Londra alla fine del 2012 e diventata operativa circa sette mesi fa. Il compito dell’unità, finanziata con 2,5 milioni di sterline per due anni, è proprio quello di reprimere le violazioni di proprietà intellettuale a mezzo Internet; Weatherley ha richiesto al primo ministro e al titolare degli Interni Theresa May di rinnovare e strutturare in maniera permanente i finanziamenti verso la PIPCU, "impegnata in una serie interessanti progetti volti ad arginare la circolazione di contenuti illeciti". La Unit si è già distinta nei mesi scorsi per inedite azioni antipirateria; dopo aver inviato degli avvertimenti ai titolari di siti sospettati di ospitare contenuti in violazione di copyright in terra Britannica, e di fronte al mancato adeguamento al contenuto delle comunicazioni, gli agenti hanno provveduto a contattare direttamente i registrar. Dopo la pioggia di sospensioni dei domini, tuttavia, dal rifiuto arrivato dall'ISP canadese EasyDNS, i cui vertici hanno risposto alla missiva invitando la polizia del Regno unito a servirsi di un mandato giudiziario prima di inviare determinate richieste, è scaturito un ricorso e una bocciatura per le stesse richieste da parte del National Aribtration Forum. Ma l'approccio indicato da Weatherley per i prossimi mesi di lavoro della PIPCU ha una direzione in particolare: "Follow the Money". È di poche settimane fa l'appello che gli stessi agenti hanno lanciato nei confronti degli inserzionisti dell'online a non finanziare i siti sospettati di ospitare e favorire la circolazione illecita di materiale protetto da diritto d'autore. Il tutto facendo riferimento ad una Infringing Website List (IWL). "Se solo riuscissimo a togliere queste risorse a determinati siti - afferma Weatherley - potremmo ridurre la circolazione dei contenuti illeciti del 95%". LEGGI "Pirateria in Uk, l'advisor di Cameron: "Il bastone nei confronti degli Internet Service Provider che agevolano l'illegalità" "Ho avuto interessanti confronti con i colleghi europei - spiega - e ne sono uscito con una convinzione: la Gran Bretagna deve essere il leader della lotta alla pirateria nel Continente". L’advisor di Cameron punta insomma sulle forze di polizia nel bel mezzo del dibattito che condurrà all’adozione del Digital Economy Act (Dea), la nuova legge sul diritto d'autore per il Regno Unito che tuttavia non vedrà la luce prima del 2015. Il cammino di questa iniziativa legislativa è iniziato con l’approvazione della “cura Mandelson” nell’aprile del 2010, ma al fianco di infuocate polemiche per le misure di takedwon previste nel testo sono arrivate nel tempo anche azioni legali come il ricorso presentato nel giugno 2011 dai provider British Telecom eTalkTalk, iniziativa respinta nel marzo dell’anno successivo. Nell’aprile 2012 l’entrata in vigore della legge slittava al 2014mentre venivano pubblicate le linee guida sulle quali sarebbe stato messo a punto il testo. Nel giugno 2013 un nuovo, decisivo rinvio. Ciò che si muove è sul fronte dell'introduzione della disciplina della copia privata. L'attenzione di Weatherley, tuttavia, è anche in merito alla sensibilizzazione ed educazione al rispetto della Proprietà Intellettuale: "Con l'aiuto dell'Intellectual Property Office abbiamo messo a punto una task force che ha l'obiettivo di partecipare ad almeno 100 forum l'anno sulla materia". Il tutto prima di aver etichettato Google come "parte della soluzione". LEGGI "Antipirateria, l'appello della polizia di Londra agli inserzionisti: "Non finanziate certi siti". Intanto crescono le violazioni da mobile" Immagine in home page: 2.bp.blogspot.com 15 aprile 2014
  • Striking a Balance among Security, Privacy and Competition. The Data Retention and Investigatory Powers Act 2014 (DRIP)

    di Guido Noto La Diega Abstract: Following the ECJ decision that declared the Data Retention Directive invalid, the Data Retention and Investigatory Powers Act 2014 (DRIP) has been enacted. It is not undisputable whether the DRIP gives more powers to the intelligence services at the detriment of both citizens’ privacy and freedom of enterprise or whether it simply clarifies the nature and extent of obligations that can be imposed on telecommunications service providers based outside the UK under Part 1 of the Regulation of Investigatory Powers Act 2000 (RIPA).

  • UK, sulla proprietà intellettuale Cameron ha un nuovo consigliere

    Il premier inglese ha affidato a Mike Weatherley, deputato tory e già vice presidente della Motion picture licensing company, il compito di affiancare il governo nella lotta alla pirateria La squadra antipirateria del Regno Unito ha un nuovo membro. Il premier David Cameron ha infatti nominato Mike Weatherley come suo consigliere sulla proprietà intellettuale, con il chiaro intento di proteggere le “industrie creative” dai danni che derivano dalla condivisione illecita di materiale protetto da copyright. Weatherley, 56 anni, parlamentare conservatore e già vice presidente della Motion picture licensing company, dovrà quindi contribuire a rispondere alle richieste che arrivano sempre più pressanti verso il governo dalle major dell'intrattenimento, che sicuramente non apprezzano i numerosi rinvii  che hanno riguardato l'adozione del Dgital Economy Act (Dea), la nuova legge antipirateria per il Regno Unito che non vedrà la luce prima di un paio d'anni. Tempistiche indicate anche da Campbell Cowie dell'Ofcom, il quale nel maggio scorso, in occasione del workshop organizzato dall'Agcom alla Camera dei deputati, dichiarava:
    Dobbiamo avere la massima cautela su tutti i punti critici che riguardano il confine tra consumo ed infrazione. Esiste la necessità di valutare caso per caso per conoscere a fondo chi è che viola le regole e quale reale danno può arrecare all’industria. Questo per scongiurare decisione eccessive e talvolta inutili. È per questo che in Uk non avremo una nuova legge prima del 2015″.
    Nel frattempo, l'enforcement viene affidato al ruolo di “ponte” tra industria e Parlamento che lo stesso Weatherley ha dichiarato di voler interpretare seguendo un “approccio a tre dimensioni: educazione, bastone e carota”. Foto: newsfrombrighton.co.uk  13 settembre 2013