Il Garante per la privacy ha applicato a Eni Gas e Luce (Egl) due sanzioni, per complessivi 11,5 milioni di euro, riguardanti rispettivamente trattamenti illeciti di dati personali nell'ambito di attività promozionali e attivazione di contratti non richiesti. Le sanzioni sono state determinate tenendo conto dei parametri indicati nel Regolamento Ue, tra i quali figurano l’ampia platea dei soggetti coinvolti, la pervasività delle condotte, la durata della violazione, le condizioni economiche di Egl.

La prima sanzione di 8,5 milioni di euro riguarda trattamenti illeciti nelle attività di telemarketing e teleselling riscontrati nel corso di accertamenti e ispezioni svolti dall’Autorità a seguito di…

[READ MORE]Il Garante privacy sanziona Eni Gas e Luce per 11,5 milioni

Microsoft ha annunciato di voler rimuovere dall’atmosfera l’equivalente della quantità di anidride carbonica (CO2) che ha emesso a partire dalla sua fondazione, nel 1975, entro il 2050. E prima, per il 2030, vuole che il suo bilancio di emissioni di CO2 nette (cioè la quantità emessa meno quella assorbita) sia negativo: cioè si sta impegnando a rimuovere dall’atmosfera più anidride carbonica – il principale gas responsabile dell’effetto serra e quindi del cambiamento climatico – di quella che produce, direttamente o indirettamente, entro i prossimi dieci anni.

Il piano di Microsoft sulle emissioni è stato spiegato giovedì scorso dal presidente dell’azienda Brad Smith insieme alla CFO Amy Hood…

[READ MORE]Microsoft, bilancio di emissioni negativo entro il 2030

Prima valutare gli impatti, poi usare le tecnologie. Come si vocifera dallo scorso agosto, la Commissione europea sembra pronta ad adottare questo inedito approccio per il riconoscimento facciale. Secondo un documento sull'Intelligenza artificiale (anticipato da Politico, Euractive e Reuters) che a fine febbraio si aprirà ai pareri degli esperti, l'idea è quella di bandire la scansione dei volti nei luoghi pubblici per un periodo compreso fra i 3-5 anni.

L'obiettivo? Valutare i rischi e le implicazioni per la privacy e per il rispetto dei diritti delle persone e arrivare alla definizione di un quadro normativo ad hoc. La norma di partenza…

[READ MORE]Riconoscimento facciale, l'Europa frena e valuta bando per 5 anni

È online il nuovo sito della Italian Academy of the Internet Code (IAIC), con contenuti aggiornati e una veste grafica completamente rinnovata.

IAIC è un’associazione scientifica senza fini di lucro che si pone come luogo di studio e di incontro di respiro internazionale, nel quale esponenti del mondo universitario, delle istituzioni e della società civile contribuiscono alla lettura giuridica degli scenari del mercato delle comunicazioni e delle tecnologie digitali, nel complesso mondo di Internet, al fine di definire assetti regolatori equilibrati e rispettosi dei diritti degli utenti. È inoltre promotrice della rivista scientifica Diritto Mercato Tecnologia.

Presieduta da Alberto Gambino, IAIC conta tra i…

[READ MORE]Online il nuovo sito della Italian Academy of the Internet Code