Startup innovative, aumentano quelle nate online: Lombardia in testa

E' la Lombardia, e Milano in particolare, a trainare in Italia l’utilizzo della “nascita online” delle startup innovative. Emerge dalla 13esima edizione del Rapporto trimestrale di monitoraggio pubblicato dal Mise, in collaborazione con InfoCamere e Unioncamere.

Il Veneto si colloca in seconda e terza posizione seguito dal Lazio, ma la nuova modalità risulta ancora sotto-utilizzata in alcune regioni a forte presenza di imprese innovative: il caso più evidente è quello dell’Emilia-Romagna, che ospita l’8,7% delle startup innovative ma solo il 5,4% di quelle costituite online.

La modalità di iscrizione online sta prendendo piede. Al 30 settembre 2019 si contano complessivamente 2.576  startup innovative avviate digitalmente e in maniera gratuita con il supporto tecnico della propria Camera di Commercio o in totale autonomia, una crescita di 169 unità rispetto al dato registrato alla passata rilevazione (fine giugno 2019). L’esenzione dall’atto notarile consente un risparmio medio sui costi d’avvio stimato in circa 2mila euro.

Sono 661 le imprese che hanno scelto di utilizzare la nuova procedura avvalendosi dei servizi d’assistenza offerti dalla propria Camera di Commercio di riferimento. Oltre al supporto ricevuto, un ulteriore vantaggio di questa modalità risiede nel fatto che lo status di startup innovativa viene attribuito già al momento della costituzione.

Continua a leggere su CorCom.