di Marco Ciaffone Dal rifiuto per i media tradizionali in favore di una presunta comunicazione all digital che ha accompagnato l'ascesa del Movimento 5 Stelle fino al più recente lancio di un hashtag, #MatteoRisponde, tramite il quale il Presidente del Consiglio Matteo Renzi intende interagire con i cittadini, sono ormai innumerevoli gli esempi che ben descrivono come la necessità di veicolare il messaggio politico attraverso Internet e le piattaforme di interazione sociale sia ormai considerato un dato di fatto per chiunque si candidi, o ricopra già, una carica istituzionale. Ma la quantità equivale a qualità? Detto in altre parole: quanto la sempre maggiore presenza nei…

[READ MORE]"Come usare il web per costruire consenso e stimolare la partecipazione?", la ricetta di Gianluca Giansante

La e-lezione di Obamadi Gianfrancesco Rizzuti [*] Il passaggio dall’always “on” all’always “in”, ovvero la differenza tra l’essere sempre connessi (on, oppure wired) e l’essere sempre immersi in reti umane, ascolti e conversazioni (in) è significativo sotto tanti punti di vista. Nella comunicazione, perché esprime un’evoluzione da sistemi monadici chiusi  – con il singolo che si collega individualmente, verticalmente e gerarchicamente con una rete impersonale quasi sovraordinata – ad ambienti aperti dove le relazioni sono frutto di immersioni permanenti, orizzontali e non gerarchiche con altri “pari” o supposti e sedicenti tali. Ma la differenza tra connessione e immersione è importante anche sotto altre…

[READ MORE]La e-lezione di Obama

In un volume edito da Bancaria Editrice e curato da Paolo Garonna (Febaf) e Stefano Parisi (Confindustria Digitale) i contributi di autorevoli esponenti del mondo bancario, assicurativo, accademico e dell'industria ICT italiana. Obiettivo: tracciare la strada della collaborazione tra gli operatori finanziari e la PA all'interno della cornice dello sviluppo dell'ICT"Quella che definiamo ormai tutti Agenda Digitale è tema talmente centrale per lo sviluppo del Paese che va al di là degli interessi specifici e della partnership che abbiamo avviato tra industria dell'ICT e comparto finanziario. Tutti avremmo e avrebbero un grande vantaggio se questo Paese fosse molto più digitale".…

[READ MORE]"Italia 2020", il cambio di paradigma nel rapporto tra finanza e Agenda Digitale

Intervista a Gérard Pogorel: L'advisor del Governo a margine della presentazione del Rapporto sulla Banda larga a Palazzo Chigi: "Abbiamo riscontrato un forte impegno degli operatori, anche se il mercato italiano è molto diverso dal resto d'Europa". E su Telecom fa eco al premier Letta: "Lo scorporo sarebbe una 'bomba nucleare' da utilizzare solo in casi estremi" di Marco Cappa [caption id="attachment_5226" align="alignright" width="312"] Gérard Pogorel[/caption] A pochi minuti dalla presentazione del "Rapporto sulla Banda largavoluto dal Governo, incontriamo il Prof. Gérard Pogorel per farci raccontare come si è svolto il suo lavoro con il commissario del governo per la Digital Agenda Francesco CaioScott Marcus e con gli operatori del settore. Quali sono…

[READ MORE]Intervista a Gérard Pogorel: "Sul digitale Italia in ritardo, ma ha imboccato la strada giusta"