Riconoscimento facciale, Italia ultima in Europa per protezione della privacy

Dati biometrici nelle carte di identità (come le impronte digitali), telecamere di sorveglianza, software di riconoscimento facciale. Così l’Italia si aggiudica l’ultimo posto in Ue per protezione della privacy, secondo uno studio pubblicato da Comparitech. Ma spetta al parlamento aiutarla a risalire la classifica, trovando al più presto un accordo sulla nomina dell’Autorità per la protezione dei dati personali, spiega a Forbes Italia Luca Bolognini, presidente dell’Istituto italiano per la privacy: “Da alcuni mesi il Garante è congelato. E la cosa è molto grave. È come se la Corte Costituzionale potesse svolgere solo l’ordinaria amministrazione”, commenta l’avvocato. Il paragone non è azzardato, secondo Bolognini, che ricorda come l’Autorità sia “prevista dal Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea e dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Ue”.

Nella classifica di Comparitech, che analizza le leggi di 47 Paesi per valutare il livello di protezione garantito ai cittadini, l’Italia ottiene un punteggio di 2,7 su 5, al pari di Ungheria e Slovenia, nota quest’ultima per “il record di violazioni di diritti umani pro capite in Europa”. “Il giudizio è sicuramente severo. Ma se Atene piange, Sparta non ride – commenta Bolognini – Non c’è nessun gran campione in Europa, siamo ultimi, ma a poca distanza dagli altri”. Le prime in classifica, Irlanda, Francia, Portogallo e Danimarca, vantano infatti un punteggio di 3.1. Uguale alla Norvegia e di poco superiore agli altri primi della classe esterni all’UE: si aggiudicano 3 punti Canada, Argentina, Sud Africa e Svizzera. “L’Unione europea ha un complesso di superiorità sulla tutela privacy, ma (come dimostra lo studio), non riesce poi a differenziarsi molto dal resto del mondo”, afferma il presidente dell’Istituto.

Il report denuncia una “scarsa attività” del Garante italiano. L’assenza di un livello di protezione adeguato è rivelata dai dati, racconta Paul Bischoff, tech editor di Comparitech, che abbiamo intervistato via email. “L’Italia registra un numero di infrazioni insolitamente basso. Questo potrebbe significare che sta seguendo le regole del GDPR come dovrebbe, ma è più probabile che ciò rappresenti una mancata applicazione della legge” spiega, condividendo la tesi di un noto studio legale internazionale.

Un’ipotesi confermata dalla palude normativa in cui si trova il nostro Paese. “L’Italia si è adeguata al Regolamento europeo con il decreto legislativo 101 del 2018, ma richiede l’intervento del Garante con una serie di regolamenti secondari, ad esempio in materia di dati biometrici” afferma Bolognini. Tuttavia il collegio, ufficialmente scaduto a giugno e attualmente in regime di proroga fino al prossimo 31 dicembre, può occuparsi solo di affari correnti, non differibili e urgenti.

Continua a leggere su Forbes.