skip to Main Content

“Competenze digitali, ecco le sfide per l’istruzione in Europa”. La relazione della Commissione

“Competenze Digitali, Ecco Le Sfide Per L’istruzione In Europa”. La Relazione Della Commissione

Scarse conoscenze e competenze digitali dei discenti e necessità di integrare l’uso efficace delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nel percorso formativo degli insegnanti. Sono le due principali problematiche dell’istruzione nel Vecchio Continente, almeno stando alla relazione “Horizon Report Europe: 2014 Schools edition“, pubblicata dalla Commissione europea e dal New Media Consortium, organismo senza fini di lucro con sede negli Stati Uniti che riunisce esperti di tecnologia dell’istruzione. La relazione delinea le tendenze e gli sviluppi tecnologici che potranno riflettersi sull’istruzione nei prossimi cinque anni, classificando i problemi che le scuole europee devono affrontare in tre categorie: “risolvibili”, “complessi” e “spinosi”. Afferma dunque che integrare le ICT nella formazione degli insegnanti e rispondere alla scarsa competenza digitale degli studenti sono problemi risolvibili. Creare opportunità di apprendimento “autentiche”, basate su esperienze di vita reale, e coniugare l’istruzione formale e non formale, saranno obiettivi più difficili da realizzare nel breve termine. Rispondere alle esigenze di migliorare l’insegnamento del pensiero complesso e di far sì che gli studenti contribuiscano al progetto del loro apprendimento sarà invece più spinoso e impegnativo. Il documento riprende gli obiettivi dell’iniziativa della Commissione “Opening up Education” e si basa sui contributi di oltre 50 esperti provenienti da 22 paesi europei, dal Centro comune di ricerca della Commissione, dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO). In essa si sostiene l’urgente necessità di agire per promuovere l’innovazione in classe e trarre vantaggio da un maggiore uso dei social media, dalle risorse didattiche aperte e dall’aumento dei sistemi di apprendimento e valutazione basati sui dati. Secondo il gruppo di esperti entro un anno i sistemi cloud e i tablet saranno d’uso comune in molte scuole europee, mentre l’apprendimento attraverso i videogiochi e la combinazione di contesti fisici e virtuali diverranno parte integrante dell’insegnamento nei prossimi due o tre anni. Gli esperti lasciano intendere che per sviluppare laboratori virtuali e a distanza e strategie che incoraggino gli studenti a svolgere un ruolo attivo nel contribuire al progetto del loro apprendimento potrebbero occorrere fino a cinque anni. “Questa relazione fornisce informazioni e orientamenti preziosi per i responsabili politici e per i dirigenti scolastici relativamente alla necessità di una conversione al digitale e alle risorse aperte. L’Europa deve puntare più in alto se si vuole garantire che i nostri giovani siano preparati per le carriere lavorative che li aspettano – afferma Androulla Vassiliou, commissaria europea responsabile per l’istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù – Migliorare le competenze digitali e l’accesso al digitale e alle risorse aperte è fondamentale, non soltanto per un insegnamento di migliore qualità, ma anche per la creazione di modelli d’istruzione flessibili, che rendono più facile l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita”. Horizon2020DigitalSkills Temi simili a quelli sollevati nella relazione saranno ulteriormente approfonditi durante la conferenza dal titolo “Dialogo europeo ad alto livello sul ruolo dell’istruzione nell’era digitale” che si terrà a dicembre, organizzata congiuntamente dalla Commissione europea e dalla presidenza italiana dell’Unione europea. 3 ottobre 2014

Back To Top